G.E.A.M.

Gruppo Escursionisti Amatori Montagna

Treviso

Sabato 27 settembre 2018 - CIMA CAVALLAZZA Laghi Colbricon

CAVALLAZZA
(acc. Cesarino - Crosato) (Tab. 022)
Com. A disl. m.605 (EEA) ore 4 : (PP) M.ga Rolle m.1900 - Cima Tognazza Cavallazza m.2234 -      Rif. Laghi Colbricon m.1927 - s.14/348 - M.ga Rolle.
Com. B disl. trascurabile (T) ore 4: (PP) M.ga Rolle -  Rif. Laghi Colbricon - ritorno con com. A.

LUOGO E ORA DI PARTENZA:   Piazzale D.L.F.  TREVISO  06.30
DIFFICOLTA’:   COM A  (EEA)   COM  B    (E)
VESTIARIO E ATTREZZATURE:  NORMALE DA MEDIO ALTA MONTAGNA. COM A
                                                       NECESSARIO CORDNO DI SICUREZZA.
PRANZO:  al sacco.   
ORA RIENTRO PREVISTA:  ore  20.30
TEL.: (telefonate urgenti) - 349 / 3326560

Locandina

Cima Cavallazza - Laghi Colbricon

Saliamo sino alla Cima Cavallazza Parcheggiamo l’auto nel parcheggio del Passo Rolle. Zaino in spalla, imbocchiamo una stradina sterrata, lasciandoci di fianco l’Albergo Sass Maor e saliamo lungo l’evidente pista da sci, tenendoci come riferimento la stazione a monte dell’impianto di risalita della Tognazza: qui godremo subito delle bellissime vedute sulle Pale di San Martino, con particolare predominanza del Cimon della Pala. Passando sotto alle seggiovie dell’impianto, seguiamo la traccia del sentiero abbastanza evidente, affinché troveremo una tabella indicativa che ci segnalerà la deviazione verso Cima Cavallazza Piccola. Questa deviazione, anche se comporta a percorrere dei sentieri attrezzati un po’ esposti, comunque corti e fattibili, consigliamo di effettuarla, perché si va alla scoperta di alcune opere di fortificazione della Grande Guerra. Percorso con passo sicuro il tratto appena menzionato, scenderemo dal lato opposto, articolato tra vari zig zag, con l’apparizione del Lago Cavallazza, trovasi sulle pendici del versante, e l’arrivo all’omonima forcella. In breve tempo risaliamo fino alla Cima Cavallazza, punto panoramico a 360° con uno splendido e ampio scenario su parecchi gruppi montuosi e cime assai conosciute come, ad esempio, la cima Iuribrutto, la Marmolada, le Tofane se disponiamo di un’ottima visibilità, ovviamente le Pale di San Martino e molte altre ancora. Ritorniamo al Passo Rolle passando per i Laghi di Cobricon Continuiamo il nostro itinerario scendendo dalla cima, in direzione dei Laghi di Colbricon subito visibili: questo tratto di sentiero, soprattutto in prossimità del rifugio presenta una ragguardevole ripidità ma, niente di tecnicamente difficile. Arrivati al Rifugio Colbricon, prima di intraprendere il percorso del ritorno, approfittiamone per aggirare entrambi i due laghi, seguendo ovviamente l’apposita segnaletica, per poi ricongiungerci al sentiero CAI 348 ben percorribile che conduce alla Malga e Passo Rolle. Passato il bosco, ci troveremo davanti ad una vasta vallata, dove sono presenti un bar-ristorante e gli impianti di risalita. Usciamo dal sentiero principale e proseguiamo verso destra, risalendo con notevole pendenza la pista di sci, per poi ritrovarci nella stradina sterrata iniziale in prossimità dell’Albergo Sass Maor che, ripercorreremo a ritroso per ritornare alla nostra auto.

 

Foto ultime escursioni - Malga Ciauta - vai alla gallery

 

ultima Malga Ciauta (1552 m) si trova alle pendici del Monte Pelmo, in comune di Vodo di Cadore. Da qui si può godere di un panorama eccezionale che spazia verso l'Antelao, il Sorapiss e il Cristallo. La struttura è costituita da un edificio di tre piani con terrazza esterna ed è circondata da un pascolo di 8 ettari per vacche, maiali e cavalli. La malga è anche agriturismo, dove è possibile degustare formaggi e salumi e acquistare prodotti tipici, e offre la possibilità di pernottare in formula Bed&Breakfast. Malga Ciauta fa parte del circuito della “Strada dei Formaggi e dei Sapori delle Dolomiti Bellunesi” ed è inserita nella rete “Agriturismo Veneto Terranostra”. D'estate è raggiungibile in macchina ed è un punto di partenza ideale per passeggiate ed escursioni. Nel periodo invernale la si può raggiungere con le ciaspe o con gli sci da alpinismo; in alternativa, è presente un servizio di motoslitta su prenotazione. La strada è asfaltata, tranne per un breve tratto sterrato, ed è accessibile da Vodo di Cadore, seguendo le indicazioni che ben la segnalano. La malga è dotata di un ampio parcheggio. Da Belluno si percorrono 60 km in direzione Longarone-Cortina e, giunti a Vodo di Cadore, si gira a sinistra per la malga. Successivamente, si procede per 8 km su strada nel bosco, interamente percorribile con mezzi motorizzati.

 

 

Organigramma

Rinnovato il Consiglio Direttivo del Gruppo Escursionisti anche con nuovi incarichi.

 

 

 

 

Guarda le foto degli anni passati

Con Google Calendar puo vedere le foto delle nostre escursioni anche degli anni precedenti. si parte dalle foto del 2016. Vai sul CALENDARIO ESCURSIONI e clicca sulla giornata relativa alla escursione desiderata, alla voce DESCRIZIONE troverai il link che ti porta alle foto della escursione.

 

Programma 2018 - scarica programma

Scarica il programma 2018. programm2016

In biblioteca

Tutti i giovedì dalle ore 21.00 consultabili presso la nostra bliblioteca, guide, carte topografiche ecc. SI possono anche ritirare libri.

 

Canale video Gruppo Escursionisti - link

 

 

 

 

 



G. Durigon ©